spacer.png, 0 kB
spacer.png, 0 kB
Home arrow Biblioteca Digitale arrow Il nesso tra la forza dell'esercito e la configurazione territoriale del paese
Il nesso tra la forza dell'esercito e la configurazione territoriale del paese PDF Stampa E-mail
"La posizione geografica delle tre grandi potenze orientali è tale, che ciascuna di esse, appena viene attaccata dalle altre due, si trova in condizioni strategiche sfavorevoli, anche avendo alleate, nell' Europa occidentale, l'Inghilterra o la Francia. Più d'ogni altra l'Austria, isolata, sarebbe in sfavorevoli condizioni contro un attacco russo-tedesco; meno di tutte lo sarebbe la Russia contro l'Austria e la Germania; però anche la Russia, in caso di un attacco concentrico delle due potenze tedesche contro il Bug (1), si troverebbe all'inizio della guerra, in una posizione difficile. A causa della sua posizione geografica e della sua costituzione etnografica, l'Austria in guerra coi due Imperi vicini si troverebbe in condizioni di grande svantaggio, perchè gli aiuti della Francia difficilmente giungerebbero a tempo per stabilire l'equilibrio. Che se l'Austria avesse fin da principio dovuto soccombere ad una coalizione russo-germanica, se mediante una saggia conclusione di pace fra i tre Imperatori venisse disciolta la lega nemica o questa fosse anche solo indebolita da una sconfitta dell'Austria, allora la preponderanza della Russia e Germania sarebbe decisiva. Nei grandi eserciti, a parità di condizioni per ciò che riguarda la bontà del comando e il valore, havvi nella configurazione territoriale delle singole potenze, una grande forza per la combinazione russo-tedesca, se essa si mantiene salda fin dall'inizio. Ma il calcolo del successo militare e la credenza in esso, sono in se incerti e lo diventano ancor più, quando la forza che si calcola da una parte non è una forza sola, ma fondata su alleanze. Nel mio abbozzo di risposta, che risultò per forza più lungo della lettera dell'imperatore Alessandro, io rilevavo che una guerra fatta in comune contro le potenze occidentali, e per le condizioni geografiche e per le brame francesi sulle provincie renane, doveva finire coll'essere, nel suo definitivo sviluppo, una guerra franco-prussiana; che l'iniziativa russo-prussiana per la guerra peggiorerebbe la nostra posizione in Germania; che la Russia, lontana dal teatro della guerra, sarebbe meno colpita dai dolori di questa, mentre la Prussia dovrebbe sostenere materialmente non solo i proprii eserciti, ma anche i russi, e che allora la politica russa, se la memoria non m'inganna, questa è la frase che adoperai, poggierebbe sul braccio di leva più lungo" (pag 62-63); [Nota (1) 'Il Bug Occidentale è un fiume, lungo 772 km, che scorre in Ucraina, Bielorussia e Polonia. Per gran parte del suo corso rappresenta il confine orientale della Polonia' (wikip)]. LEGGERE IN: BISMARCK Ottone, Pensieri e ricordi. ROSENBERG & SELLIER. TORINO. 1898 Volume II, pag 311 8°  note foto [Versione digitale su richiesta] [ISC Newsletter N° 75] ISCNS75DIGIT
 
< Prec.   Pros. >
spacer.png, 0 kB

Cerca nel sito

spacer.png, 0 kB
spacer.png, 0 kB
spacer.png, 0 kB