spacer.png, 0 kB
spacer.png, 0 kB
Home arrow News arrow 'Quale coscienza l'Universitą medievale ha avuto in se stessa?'
'Quale coscienza l'Universitą medievale ha avuto in se stessa?' PDF Stampa E-mail
LE-GOFF Jacques, Tempo della Chiesa e tempo del mercante. E altri saggi sul lavoro e la cultura nel Medioevo. EINAUDI. TORINO. 1977 pag 333 8°  prefazione, note, bibliografia, indice nomi; Collana Einaudi Paperbacks. Jacques Le Goff, uno dei maggiori studiosi di storia medievale, ha insegnato all'EHESS di cui è stato per anni presidente. ['Ai tempi di Abelardo e di Filippo di Harvengt, certamente non ci sono ancora universitari. Ma, in queste scuole urbane, di cui Abelardo è il primo luminoso rappresentante e di cui Filippo di Harvengt è uno dei primi a riconoscere l'esistenza, la novità e l'utilità, stanno nascendo un nuovo mestiere e dei nuovi artigiani: il mestiere scolastico e la sua gerarchia di 'scolares' e 'magistri' da cui usciranno università e universitari. Nella 'Historia calamitatum', Abelardo si definisce anzitutto - sul piano del temperamento individuale, ma un temperamento che è anche, fin dall'inizio, professionale - rispetto al mondo della piccola nobiltà da cui è nato. Notazione preziosa, egli indica che nel suo ambiente la regola sembrava l'alleanza tra una certa cultura intellettuale e la pratica militare: 'litterae et arma'. Per lui la scelta è necessaria e drammatica. Novello Esaù, sacrificando la «pompa militaris gloriae» allo «studium letterarum», egli deve rinunziare nello stesso tempo al suo diritto di primogenitura. Così la scelta di quello che diverrà un mestiere lo fa radicalmente uscire dal suo gruppo sociale; è la rinuncia a un genere di vita, a una mentalità, a un ideale, a una struttura familiare e sociale. Invece un impegno totale: «Tu eris magister in aeternum». È tuttavia interessante notare che Abelardo - e sicuramente non è solo un artificio retorico - si esprime a proposito della sua carriera con l'ausilio di un vocabolario militare. Per lui la dialettica è un arsenale, gli argomenti delle armi, le 'disputationes' dei combattimenti. La Minerva per la quale abbandona Marte è una dea armata e bellicosa. Egli attacca, come un giovane cavaliere, i suoi vecchi maestri, il suo tirocinio scolastico è quello di un coscritto, «tirocinium». Le lotte intellettuali sono per lui dei tornei. Il figlio del piccolo nobile del Pallet resta così segnato dall'impronta della sua origine, come il suo secolo dallo stile di vita e dal vocabolario della classe dominante. È il secolo di san Bernardo, in cui gli 'athletae Domini' formano la 'militia Christi''] (pag 154-156) [ISC Newsletter N° 93] ISCNS93TEC [Visit the 'News' of the website: www.isc-studyofcapitalism.org]

  

 
< Prec.   Pros. >
spacer.png, 0 kB

Cerca nel sito

spacer.png, 0 kB
spacer.png, 0 kB
spacer.png, 0 kB