spacer.png, 0 kB
spacer.png, 0 kB
Home arrow News arrow 'L'eroica resistenza opposta da Savonarola, in tempi eccezionali di estrema miseria della Chiesa'
'L'eroica resistenza opposta da Savonarola, in tempi eccezionali di estrema miseria della Chiesa' PDF Stampa E-mail
SCHNITZER Giuseppe, Savonarola. Volume secondo. FRATELLI TREVES EDITORI. MILANO. 1931 pag 635 8°  ritratto, note, indice nomi, illustrazioni, traduzione di Ernesto RUTILI. ['In qualsiasi altra epoca il suo sforzo avrebbe trovato riconoscenza ed appoggio nella suprema autorità della Chiesa; se al tempo in cui egli levò la sua voce, invece di Alessandro VI, fosse stato seduto sulla cattedra di Pietro un papa come Adriano VI, quale altra avrebbe potuto essere la sua sorte, la sorte della Chiesa e dei popoli d'Occidente! Il motto che i posteri incisero sulla tomba dell'infelice Adriano: «Eu quantum refert, in quae tempora vel optimi cuiusque virtus incitat», potrebbe non meno giustamente applicarsi al Frate. Questi non fu una mente creatrice, né uno che abbia svelato nuovi orizzonti, ma fu qualche cosa di infinitamente più grande: fu un uomo e un cristiano. Come uomo, lottò e soffrì per quello che comprese essere il compito della sua vita affidatogli da Dio, con tale indomito eroismo che formerà l'ammirazione di tutti i secoli. Come cristiano, incarnò talmente lo spirito divino d'amore da assicurarsi un posto sublime tra i santi della cristianità. Alla energia di Paolo congiunse la fervida devozione di Giovanni, al tuonare profetico la tenerezza femminea e la intimità della più dolce mistica cristiana. Fu un uomo verso il quale, sia durante la sua vita come dopo la morte, si peccò enormemente. Egli non è stato ancora canonizzato né beatificato, ma verrà la sua ora, come è venuta quella di Giovanna d'Arco, e non potrà giungere il momento in cui la cristianità perverrà ad un'altezza morale da cui, ben lungi dal considerare come rivolta esecrabile l'eroica resistenza da lui opposta, in tempi eccezionali di estrema miseria della Chiesa, ad un papa infame, la riconoscerà  e celebrerà per quello che effettivamente essa fu, come il merito suo più grande e come la sua più splendida gloria. Comunque, non saranno gli altari a decorarlo, ma sarà egli a dar decoro agli altari' (pag 602-603)] [ISC Newsletter N° 93] ISCNS93TEC [Visit the 'News' of the website: www.isc-studyofcapitalism.org]
  

 
< Prec.   Pros. >
spacer.png, 0 kB

Cerca nel sito

spacer.png, 0 kB
spacer.png, 0 kB
spacer.png, 0 kB