spacer.png, 0 kB
spacer.png, 0 kB
Home arrow News arrow La rivoluzione di Ottobre, il crollo dell'impero ottomano e le trattative di Brest-Litovsk
La rivoluzione di Ottobre, il crollo dell'impero ottomano e le trattative di Brest-Litovsk PDF Stampa E-mail
McMEEKIN Sean, Il crollo dell'Impero ottomano. La guerra, la rivoluzione e la nascita del moderno Medio Oriente, 1908-1923. EINAUDI. TORINO. 2017 pag XIV 552 8°  introduzione elenco delle cartine nota dell'autore ringraziamenti, foto illustrazioni, note bibliografia indice nomi e località; Collana La Biblioteca.  Sean McMeekin insegna Storia al Bard College, New York. Per alcuni anni ha insegnato all'Università Koç di Istabul e all'Università Bilkent di Ankara. Ha pubblicato: 'The Berlin-Baghdad Express','The Russia Origins of the First World War', 'July 1914'. ['Tra tutti i miracoli in punto di morte che avevano salvato l'Impero ottomano nell'era moderna, la rivoluzione di Lenin fu sicuramente il più grande. L'inverno precedente aveva visto la Turchia agli sgoccioli, mentre la Gran Bretagna e la Francia erano pronte a reclamare ciò che restava della carcassa ottomana. Con le armate russe che si stavano sciogliendo, Talât Pascià, ora gran visir, pensava che il colpo di Lenin avesse «aperto le porte alla realizzazione dell'Impero orientale turco». Quotidiani ottomani equilibrati come «Sabah» e «Tasvir-i-Efkar» discutevano dell'«immediato recupero di terre nell'Anatolia orientale e in Transcaucasia». Tradotto in politica, ciò significava che i diplomatici ottomani inviati ai negoziati per l'armistizio a Brest-Litovsk potevano chiedere non soltanto la restaurazione dei confini del 1914 tra Turchia e Russia, ma anche quelli del 1877, compresa l''Elviye-i-Selâse', le «tre province» di Kars, Ardahan e Batumi conquistate della Russia dopo l'ultima guerra russo-ottomana. Persino Baku, centro dell'industria petrolifera russa e porta del Mar Caspio e dell'Asia centrale turca, adesso poteva entrare in gioco, anche se lì i turchi avrebbero dovuto competere con i loro alleati tedeschi, che volevano il petrolio. Dopo un periodo orribile nel 1916, Enver sembrava destinato a entrare nella storia come il più grande turco vivente, l'uomo che aveva sconfitto l'acerrimo nemico dell'impero a nord. Ovviamente, trasformare Enver Pascià in un eroe «Gazi» non era proprio quello che i bolscevichi avevano in mente di fare prendendo il potere. Dalla prospettiva di Lenin, andava benissimo che il cessate il fuoco avesse accelerato la disintegrazione delle armate zariste, eliminando il tal modo l'arma più pericolosa della controrivoluzione. Ma ciò non significava che voleva consentire ai nemici della Russia di costruire i propri imperi a sue spese' (pag 368)] [ISC Newsletter N° 93] ISCNS93TEC [Visit the 'News' of the website: www.isc-studyofcapitalism.org]     
  

 
< Prec.   Pros. >
spacer.png, 0 kB

Cerca nel sito

spacer.png, 0 kB
spacer.png, 0 kB
spacer.png, 0 kB