spacer.png, 0 kB
spacer.png, 0 kB
Home arrow News arrow Gramsci, Sraffa, Keynes e la crisi del 1929
Gramsci, Sraffa, Keynes e la crisi del 1929 PDF Stampa E-mail
FAUSTI Luciano, Intelletti in dialogo. Antonio Gramsci e Piero Sraffa. FONDAZIONE GUIDO PICCINI - LA PICCOLA EDITRICE. CELLENO, VT. 1998 pag 211 8°  premessa note indice nomi; Collana Sfide. Luciano Fausti, nato nel 1949, insegna filosofia e storia nelle scuole superiori. Fa parte, dal 1975, della Fondazione Clementina Calzari Trebeschi di Brescia e collabora alle attività della Fondazione Guido Piccini per i Diritti dell'Uomo. Ha pubblicato su varie riviste e quotidiani. Nel 1986 ha curato e introdotto il volume AaVv, 'Rileggere Marx. Esame delle opere principali', edito dalla Fondazione C.C. Trebeschi. [Keynes e la crisi del '29. 'Sulle cause della grande crisi e sui suoi possibili rimedi Sraffa invia a Gramsci un documento fondamentale, il rapporto del Committee of Inquiry of Finance and Industry, detta Commissione Macmillan dal nome del suo presidente, istituita dal governo lavurista nel novembre del '29 e durata fino al 1931, della quale, tra gli altri economisti di valore, fa arte il Keynes (1). L'originalità del documento è costituita dalla applicazione in vivo della teoria keynesiana. Il rapporto, scrive Sraffa, "è stato in gran parte scritto, e in tutto ispirato, dal Keynes" (2). Come è noto, Sraffa, pur perseguendo una ricerca teorica autonoma, ha intrattenuto u interscambio culturale continuo con Keynes: dalla cura, nel '25, dell'edizione italiana del 'Tract on Monetary Reform' di Keynes (3), alla collaborazione critica nella gestazione de 'Trattato sulla moneta' di Keynes nel '30 (4), alla polemica con Hayek nel '32 a fianco di Keynes (5), alla discussione della 'Teoria generale' di Keynes nel '36 (6), fino alla scoperta e alla cura comune di uno scritto di Hume nel '38 (7). Dallo scambio culturale continuo, come ha mostrato Roncaglia in polemica con Skidelsky, hanno mutuato vantaggi teorici entrambi gli economisti (8). Nel periodo in cui stende la lettera a Gramsci, Sraffa ha concluso da pochi mesi l'esperienza del "Cambridge Circus": il gruppo, composto da alcuni dei migliori giovani economisti (Richard Kahn, Robert Meade e Joan Robinson), si proponeva di discutere il trattato e le idee successive di Keynes. Piero conosce l'opera dell'amico "ab imis fundamentis"; eppure  non si conosce un suo scritto pubblico sull'argomento. La lettera a Gramsci è importante anche perché espone, nello stile sintetico consueto, il punto di vista di Sraffa, sul "Rapporto" e più in generale sul pensiero keynesiano. Il rapporto, scrive Piero, "contiene un'analisi che getta molta luce sulle cause dell'attuale crisi finanziaria dell'Inghilterra: inoltre contiene una esposizione di parte della teoria delle crisi e della moneta che Keynes aveva proposto, in linguaggio molto astruso e confuso, nel suo recente 'Trattato sulla moneta' (1930). Questa teoria attribuisce le crisi a un eccesso dei 'risparmi', nel senso del denaro 'messo da parte' dai risparmiatori, sugli 'investimenti' nel senso di nuove costruzioni, ecc.,: con il  risultato che il denaro disponibile per acquistare i prodotti correnti è insufficiente a coprire il loro costo di produzione. Come vedete, c'è molto di vecchio e qualcosa di nuovo. Ma il Keynes, che ha fatto senza volerlo una critica della economia liberale e capitalistica, conclude con una apologia, dell'imprenditore capitalista e con la ricerca di "rimedi" (9). Il tono utilizzato da Piero nella lettera autorizza a pensare che Gramsci avesse già qualche conoscenza del pensiero di Keynes. (...) In polemica con Luigi Einaudi, [Gramsci] considera la crisi degli anni trenta, "per la sua ampiezza e profondità", una "crisi organica" e non congiunturale (16); criticando Pasquale Jannaccone, scrive che le cause della crisi non sono morali, né politiche, "ma economico-sociali" (17). Contro quegli osservatori che ravvisano "erroneamente e tendenziosamente" nel crack della borsa di New York l'origine della crisi, egli afferma che "gli eventi dell'autunno 1929 in America sono "una delle clamorose manifestazioni dello svolgimento" della crisi, ma che la genesi del fenomeno va ricercata più lontano, nel dopoguerra e oltre (18): nella drammatica incapacità delle vecchie classi dirigenti nazionali ad affrontare il formarsi di un sistema economico unitario su scala mondiale e a governare la sovrappopolazione legata al nuovo industrialismo tecnologico (19). La sua riflessione è attenda al diverso sviluppo industriale in atto fra le nazioni e alle risposte avviate dalle politiche economiche di diversi paesi (20). Egli sottolinea la funzione decisiva che lo Stato sta assumendo come strumento di coercizione, ma coglie anche il ruolo che può assumere come strumento progressivo dello sviluppo (21)' (pag 79-81)] [(1) I principali componenti della Commissione, presieduta da Lord Harold Macmillan, sono, oltre a Keynes, Reginald McKenna, Theodor E. Gregory, R. H. Brand e Ernest Bevin. (...); (2) Si veda la lettera di Sraffa a Tania del 9 settembre del 1931, in P. Sraffa, 'Lettere a Tania...', p. 34. Nella lettera del 12 sett. Tania trascrive il brano di Sraffa per Gramsci: cfr. A. Gramsci, T. Schucht, 'Lettere 1926-1935', pp. 789-799; (3) J.M. Keynes, 'La riforma monetaria', trad. it. di P. Sraffa, Milano, Treves, 1925; (4) Nella preparazione della sua opera, Keynes fa leggere gli abbozzi a Piero, che formula le sue critiche (...); (5) In polemica con Friedrich August von Hayek, Keynes chiede a Sraffa una recensione critica sul libro 'Prices and Production' di Hayek (1931) (...); (6) Dopo aver rivisto con Sraffa una prima versione della 'Teoria generale', Keynes, il 3 dicembre '33, scrive alla moglie: "Piero naturalmente ha tirato fuori estenuanti difficoltà, ma, per fortuna, niente di grave". (...); (7) Gli impegni più importanti non trattengono Piero dall'assecondare le sue curiosità erudite: frequentatore, con Keynes, di antiquari e collezionista di libri rari, con una predilezione per le opere filosofiche ed economico del XVIII secolo, insieme si occupa di un esemplare assai raro di un pamphlet anonimo sul 'Treatise of Human Nature' di Hume pubblicato nel 1740 e attribuito al giovane Adam Smith: i due amici lo riconoscono come scritto dallo stesso Hume e lo pubblicano con una introduzione comune (...); (8) Si veda A. Roncaglia, "Sraffa: dalla critica a Marshall alla riabilitazione dell'economia politica classica", pp. 13-17; (9) P. Sraffa, 'Lettere a Tania'..., p. 34; (10) L'ipotesi di un probabile confronto fra Piero e Antonio sul libro di Keynes nel corso degli incontri a Roma prima del carcere, di cui si è già parlato, mi viene suggerita da Alessandro Roncaglia; (11) J.M. Keynes, 'La réforme monétaire', Paris, Simon Kra, 1924. Gramsci ha modo di leggere una recensione molto critica di Luigi Einaudi al libro di Keynes 'Essays in Persuasion' nell'articolo "La crisi è finita?', La Riforma sociale, gennaio-febbraio 1932 pp. 76-78; (12) Si vedano, ad esempio, i 'Quaderni del carcere' pp. 1756-1758, 2143. Tali riferimenti sono colti da N. Badaloni nella "Prefazione" alle 'Nuove lettere di Antonio Gramsci...", pp. 19-21; (13) Oltre al 'Rapporto', possiede le annate di 'Riforma sociale', della 'Rivista di politica economica', il numero della rivista 'Economia'  dedicato nel '31 alla crisi mondiale, le 'Prospettive economiche' preparate dal Mortara, la collezione 'Movimento economico dell'Italia - Raccolta di notizie statistiche', per l'anno 1929, 1930, 1931, 1932, edita dalla Banca Commerciale italiana (Milano), l'Annuaire statistique international', 1929 a cura della Società delle Nazioni (Genève, 1930), l'opera di Andre Siegfrid, 'La crise britannique au XXe siècle', A Colin, 1931, Alberto De Stefani, 'La deflazione finanziaria nel mondo', Milano, Treves, 1931, Henri Ford, 'Perché questa crisi mondiale?', Milano, Bompiani, 1931, le raccolte antologiche 'La crisi del capitalismo ' e 'L'economia programmatica', Firenze, Sansoni, 1933; (14) Jean Pierre Potier, 'La rise des années Trente vue par Antonio Gramsci', in 'Modernité de Gramsci', Actes du colloque franco-italien de Besançon, 23-25 novembre 1989, a cura di André Tosel, Paris, Le Belles Lettre, 1992, pp. 109-122. Per una analisi più ampia si rimanda a questo intervento]; (15) Cfr. G. Agnelli - L. Einaudi, "La crisi e le ore di lavoro", 'La Riforma sociale', gennaio-febbraio 1933 (anno XL, n.1), pp. 1-20. Per le riflessioni critiche di Gramsci si vedano i 'Quaderni', pp 1347-1349; (16) Cfr. A. Gramsci, 'Quaderni', pp. 1077-1078. Cfr. Luigi Einaudi, "La crisi è finita?" e "Della non novità della crisi presente", 'La Riforma sociale', gennaio-febbraio 1932 (anno XXXIX, n. 1), pp. 73-79 e 79-83; (17) A. Gramsci, 'Quaderni', pp. 792-793. Cfr. Pasquale Iannaccone, "Sulla depressione economica mondiale", 'Economia', marzo 1931 (anno IX, n.3), pp. 297-306. L'articolo è la risposta a un questionario pubblicato alle pp. 261-262. Le risposte di numerosi economisti sono seguite da un commento di Gino Arias, "La crisi e i giudizi degli economisti", pp. 315-335; (18) A. Gramsci, 'Quaderni del carcere', pp. 1755-56; (19) Cfr. Marcello Montanari, 'Introduzione', in A. Gramsci, 'Pensare la democrazia. Antologia dai 'Quaderni del carcere', pp. XIII-XVIII; (20) Per una esposizione più ampia si veda J.F. Potier, 'La crise des années Trente vue par Antonio Gramsci', pp. 118-123; (21) A. Gramsci, 'Quaderni', pp. 2175-2177. Su questo aspetto si veda Luigi Cavallaro, 'L'economia politica di Gramsci', Critica marxista, 4, luglio-agosto 1997, pp. 63-64 e 67-69] [note a pag 153-154] [ISC Newsletter N° 91] ISCNS91TEC [Visit the 'News' of the website: www.isc-studyofcapitalism.org] 
 
< Prec.   Pros. >
spacer.png, 0 kB

Cerca nel sito

spacer.png, 0 kB
spacer.png, 0 kB
spacer.png, 0 kB