spacer.png, 0 kB
spacer.png, 0 kB
Home arrow News arrow 'Le tre grandi crisi del XX secolo hanno avuto in Italia ripercussioni profonde e di grande portata'
'Le tre grandi crisi del XX secolo hanno avuto in Italia ripercussioni profonde e di grande portata' PDF Stampa E-mail
CIUFFOLETTI Zeffiro, Tre storie, una storia. Italia, Europa, Mondo. MAURO PAGLIAI EDITORE - EDIZIONI POLISTAMPA. FIRENZE. 2017 pag 157 8°  introduzione di Danilo BRESCHI: 'Se la storia tornasse ad insegnare', Collana Le ragioni dell'Occidente. Zeffiro Ciuffoletti (San Giovanni delle Contee, 1944) è professore ordinario di Storia contemporanea presso la Facoltà di Lettere e Filosofia dell'Università di Firenze e ha insegnato Storia sociale della comunicazione presso la Facoltà di Scienze politiche della stessa Università. Storico del Risorgimento, si è occupato di storia sociale, politica e della comunicazione. ['In effetti, tutte le crisi italiane - 1918-1925, 1943-1948, 1989-1992, le tre grandi crisi di regime, per parafrasare il titolo di un libro di Massimo L. Salvadori ('Storia d'Italia e crisi di regime: saggio sulla politica italiana, 1861-2000', Il Mulino; 2001) (...) - sono legate a tre grandi crisi epocali internazionali: il primo dopoguerra, il secondo dopoguerra e la fine della guerra fredda. Tutte e tre queste crisi hanno avuto in Italia ripercussioni così profonde e di tale portata da minare non solo il sistema politico, ma anche gli assetti istituzionali. Tanto è vero che l'uscita da queste fasi critiche ha condotto, in Italia, a veri e propri cambiamenti di regime e, quindi, ad esiti non sempre paragonabili a quelli di altre nazioni europee. In questo senso, la comparazione con la situazione di altri Paesi del continente, non è almeno a prima vista, del tutto legittima, anche se dalla grande crisi della prima guerra mondiale presero corpo, in alcuni Stati dell'Europa, delle ideologie rivoluzionarie che si trasformarono poi in soluzioni totalitarie, come nel caso della Russia, dell'Italia e, infine, della Germania. Eppure, anche in questo, i contesti politici giocarono un ruolo rilevante, tanto nella crisi quanto nei suoi esiti. Può sembrare utile, quindi, chiedersi se nelle tre crisi italiane sopra richiamate vi sia qualcosa di comune e specificamente collegabile alle caratteristiche istituzionali, politiche e sociali della storia italiana. La storiografia è ormai pressoché concorde nel ritenere che la formazione dello Stato nazionale fu, in Italia, un evento rapido e fortunato. Tuttavia, lo Stato unitario formatosi nel 1861 presentava fin da suo sorgere una serie di elementi strutturali di notevole debolezza: la cosiddetta questione romana da un lato e la questione meridionale dall'altro. Recentemente la storiografia politica ha insistito su un altro elemento, peraltro collegato ai primi due, ovvero la presenza di forze antisistema, o antistato, o, ancora, extraparlamentari, che contribuirono a limitare l'area di consenso delle istituzioni e a contrastare il processo di nazionalizzazione delle masse popolari e contadine"] (pag 17-18) [ISC Newsletter N° 87] ISCNS87TEC [Visit the 'News' of the website: www.isc-studyofcapitalism.org]  Le tre grandi crisi politiche del XX secolo hanno avuto in Italia ripercussioni profonde e di grande portata
 
< Prec.   Pros. >
spacer.png, 0 kB

Cerca nel sito

spacer.png, 0 kB
spacer.png, 0 kB
spacer.png, 0 kB