spacer.png, 0 kB
spacer.png, 0 kB
Home arrow News
News
'Il «modo di concettualizzazione» riflette il «modo di produzione», la struttura di classe' PDF Stampa E-mail
BUCHARIN N.I. JOFFE A.F. RUBINSTEIN M. ZAVADOVSKIJ B.M. ECOLMAN VAVILOV N.I. MITKEVIC V.F. HESSEN B., Scienza al bivio. Interventi dei delegati sovietici al Congresso internazionale di storia della scienza e della tecnologia, Londra 1931. DE DONATO EDITORE. BARI. 1977 pag 165 8° (F)  nota dell'editore italiano, nota dei traduttori, nota dell'editore inglese, prefazione di Joseph NEEDHAM, introduzione di P.G. WERSKEY: 'Sull'accoglienza di "Scienza al bivio" in Inghilterra', premessa, note, bibliografia [scritti di Karl Marx riguardanti la matematica, le scienze naturali, la tecnologia e la storia di queste discipline]; titolo dell'edizione originale 'Science at the Cross Road', 1971; traduzione di Marco PROTASI, saggio di B. Hessen tradotto da Roberto FEROLA. ['E così l'uomo è storicamente dato come uomo 'sociale' (a differenza dell'illuministico Robinson di Rousseau, che fonda la società e la storia come se fossero un circolo scacchistico e con l'aiuto di un «contratto»). Questo uomo sociale, cioè la società umana, per vivere deve 'produrre'. 'In principio era l'Azione' (in contrasto con il Logos cristiano: «In principio era il Verbo». La produzione è il vero punto di partenza dello sviluppo sociale (26). Nel processo produttivo avviene un «metabolismo» (Marx) fra la società e la natura. In questo processo - un processo 'materiale' -, in cui l'uomo storico e sociale interviene come parte 'attiva', ogni persona è in una relazione definita con le altre e con gli strumenti di lavoro. Queste relazioni sono storiche, la loro totalità costituisce la 'struttura economica della società', che è anche essa una variabile storica (a differenza di quanto affermano le teorie della «società in generale», della «società eterna», della «società ideale», ecc.). La struttura economica della società (il «modo di produzione») include, prima di tutto, la relazione fra le 'classi'. Su questa base nasce e si sviluppa la «sovrastruttura»: organizzazioni politiche e potere statale, norme morali, teorie scientifiche, arte, religione, filosofia, ecc. Il «modo di produzione» determina anche il «modo di concettualizzazione»: l'attività teorica è «una tappa» nella riproduzione della vita sociale: il materiale le è fornito dall'esperienza, la cui ampiezza dipende dal grado di dominio sulle forze della natura, che è determinato, infine, dallo sviluppo delle forze produttive, dalla produttività del lavoro sociale, dal livello di sviluppo tecnico. Gli stimoli provengono dai compiti proposti dalla prassi; i principi informatori, il «modo di concettualizzazione» in senso letterale, riflettono il «modo di produzione», la struttura di classe della società e le sue complesse esigenze (l'idea di rango, di autorità, di gerarchia e del Dio personale nella società feudale; l'idea della forza impersonale del destino, dell'incontrollabilità dei processi, del Dio impersonale nella società capitalistica, produttrice di merci, ecc.). Le concezioni prevalenti sono quelle della classe dominante, che è il 'supporto' del modo dato di produzione (27). Ma, proprio come lo sviluppo della storia naturale cambia le forme delle specie biologiche, lo sviluppo storico della società, con alla base il movimento delle forze produttive, cambia le forme storico-sociali di lavoro, le «strutture sociali», i «modi di produzione», insieme ai quali muta l'intera sovrastruttura ideologica fino a comprendere le forme «più alte» di conoscenza teorica e di illusioni riflesse. (...)" (pag 53-55) [N.I. Bucharin, 'Teoria e prassi dal punto di vista del materialismo dialettico'] [(26) Questo non è un segreto neppure per alcuni fisici moderni. «Le condizioni fisiche dell'esistenza sono più fondamentali di quelle estetiche, morali o intellettuali. Un bambino ha bisogno di cibo prima che di insegnamento. Un certo livello di vita superiore a quello degli animali è una condizione preliminare per lo sviluppo di ciascuna delle qualità specifiche degli esseri umani» (Frederick Soddy, 'Science and Life', J. Murray, London, 1920, p. 3; (27) Il filosofo tedesco, oggi di moda, creatore del «socialismo cristiano-profetico» Marx Scheler, nel condurre una lotta disperata contro il marxismo, ne sfrutta numerosi principi fondamentali, producendo di conseguenza una cacofonia di motivi del tutto intollerabile (...)] [ISC Newsletter N° 87] ISCNS87TEC [Visit the 'News' of the website: www.isc-studyofcapitalism.org] 

 
'Le tre grandi crisi del XX secolo hanno avuto in Italia ripercussioni profonde e di grande portata' PDF Stampa E-mail
CIUFFOLETTI Zeffiro, Tre storie, una storia. Italia, Europa, Mondo. MAURO PAGLIAI EDITORE - EDIZIONI POLISTAMPA. FIRENZE. 2017 pag 157 8°  introduzione di Danilo BRESCHI: 'Se la storia tornasse ad insegnare', Collana Le ragioni dell'Occidente. Zeffiro Ciuffoletti (San Giovanni delle Contee, 1944) è professore ordinario di Storia contemporanea presso la Facoltà di Lettere e Filosofia dell'Università di Firenze e ha insegnato Storia sociale della comunicazione presso la Facoltà di Scienze politiche della stessa Università. Storico del Risorgimento, si è occupato di storia sociale, politica e della comunicazione. ['In effetti, tutte le crisi italiane - 1918-1925, 1943-1948, 1989-1992, le tre grandi crisi di regime, per parafrasare il titolo di un libro di Massimo L. Salvadori ('Storia d'Italia e crisi di regime: saggio sulla politica italiana, 1861-2000', Il Mulino; 2001) (...) - sono legate a tre grandi crisi epocali internazionali: il primo dopoguerra, il secondo dopoguerra e la fine della guerra fredda. Tutte e tre queste crisi hanno avuto in Italia ripercussioni così profonde e di tale portata da minare non solo il sistema politico, ma anche gli assetti istituzionali. Tanto è vero che l'uscita da queste fasi critiche ha condotto, in Italia, a veri e propri cambiamenti di regime e, quindi, ad esiti non sempre paragonabili a quelli di altre nazioni europee. In questo senso, la comparazione con la situazione di altri Paesi del continente, non è almeno a prima vista, del tutto legittima, anche se dalla grande crisi della prima guerra mondiale presero corpo, in alcuni Stati dell'Europa, delle ideologie rivoluzionarie che si trasformarono poi in soluzioni totalitarie, come nel caso della Russia, dell'Italia e, infine, della Germania. Eppure, anche in questo, i contesti politici giocarono un ruolo rilevante, tanto nella crisi quanto nei suoi esiti. Può sembrare utile, quindi, chiedersi se nelle tre crisi italiane sopra richiamate vi sia qualcosa di comune e specificamente collegabile alle caratteristiche istituzionali, politiche e sociali della storia italiana. La storiografia è ormai pressoché concorde nel ritenere che la formazione dello Stato nazionale fu, in Italia, un evento rapido e fortunato. Tuttavia, lo Stato unitario formatosi nel 1861 presentava fin da suo sorgere una serie di elementi strutturali di notevole debolezza: la cosiddetta questione romana da un lato e la questione meridionale dall'altro. Recentemente la storiografia politica ha insistito su un altro elemento, peraltro collegato ai primi due, ovvero la presenza di forze antisistema, o antistato, o, ancora, extraparlamentari, che contribuirono a limitare l'area di consenso delle istituzioni e a contrastare il processo di nazionalizzazione delle masse popolari e contadine"] (pag 17-18) [ISC Newsletter N° 87] ISCNS87TEC [Visit the 'News' of the website: www.isc-studyofcapitalism.org] 
Leggi tutto...
 
J. Swinton: Marx era «un attento osservatore dell'attività e della vita americana» PDF Stampa E-mail
MUSTO Marcello, L'ultimo Marx, 1881-1883. Saggio di biografia intellettuale. DONZELLI EDITORE. ROMA. 2016 pag VII 148 8°  prefazione note appendice cronologia essenziale (1881-1883), indice nomi; Collana Saggi. Storia e scienze sociali. Marcello Musto è professore associato di Sociologia teorica presso la York Unversity di Toronto. Ha al suo attivo molte pubblicazioni in varie lingue. In italiano ha pubblicato tra l'altro: 'Ripensare Marx e i marxismi' (Carocci, 2011), 'I Grundrisse di Karl Marx' (Ets, 2015). ['Nell'agosto del 1880, John Swinton (1829-1901), un influente giornalista statunitense di vedute progressiste (1), in visita per l'Europa, si recò a Ramsgate, una cittadina balneare del Kent, situata a pochi chilometri dall'estremità sud-orientale dell'Inghilterra. La finalità del suo viaggio era un'intervista da pubblicare sul "Sun", il quotidiano da lui diretto e al tempo tra i più venduti in Nord America, con uno dei principali esponenti del movimento operaio internazionale: Karl Marx. (...) Il colloquio con Marx generò nel giornalista di New York la convinzione di trovarsi al cospetto di un uomo «profondamente immerso nella sua epoca e che, dalla Neva alla Senna, dagli Urali ai Pirenei, la sua mano (era) intenta a preparare l'avvento di una nuova era». Marx lo impressionò, perché capace di passare in «rassegna il mondo europeo paese per paese, evidenziandone le peculiarità, gli sviluppi e le personalità, tanto quelle che agiscono in superficie quanto quelle che operano al di sotto di essa» (11). Egli lo intrattenne parlandogli «delle forze politiche e dei movimenti popolari delle varie nazioni d'Europa: dell'ampia corrente dello spirito russo, dei movimenti della mente tedesca, dell'attivismo della Francia, dell'immobilismo inglese. Era pieno di speranze rispetto alla Russia, filosofico mentre parlava della Germania, allegro accennando alla Francia e cupo riguardo all'Inghilterra, riferendosi sprezzantemente alle «riforme atomistiche» con le quali i liberali del parlamento britannico passano il loro tempo (12). Swinton fu sorpreso anche dalle conoscenze di Marx sugli Stati Uniti. Lo giudicò «un attento osservatore dell'attività americana» e definì «le sue osservazioni su alcune forze costitutive e sostanziali della vita americana (...) piene di suggestione»' (pag 3-5) [(1) Cfr. Il capitolo 'John Swinton, Crusading Editor', in S. Garlin, 'Three American Radicals: John Swinton, Charles P. Steinmetz, and William Dean Howells', Westview press, Boulder, 1991, pp. 1-41; (...) (11) Ibid.; (12) Ibid.] [ISC Newsletter N° 87] ISCNS87TEC [Visit the 'News' of the website: www.isc-studyofcapitalism.org] 
 
Blanqui: l'organizzazione ispirata al sistema delle decurie e centurie creato da Buonarroti nel 1814 PDF Stampa E-mail
DOMMANGET Maurice, a cura di G. DANVIER, Louis-Auguste Blanqui. ERRE EMME. ROMA. 1990 pag 156 8°  introduzione: 'Note su Blanqui' di G. DANVIER, premessa (1970), illustrazioni foto note, bibliografia. ['[Blanqui] A Bruxelles lo vengono a trovare gli studenti francesi che già lo conoscono o che partecipano a Liegi al Congresso internazionale degli studenti. Tridon, delegato anch'egli al congresso, approfitta dell'occasione per andare a salutare il proprio maestro e per presentargli due dei suoi amici: Albert Regnard, futuro traduttore di Büchner, e Paul Lafargue, che sarà tra i fondatori del partito operaio francese. In seguito si stabiliscono a Bruxelles Charles Longuet e Rogeard, per sfuggire all'arresto e continuare la pubblicazione della 'Rive Gauche'. Blanqui si rivede con loro. E' l'epoca in cui Longuet traduce e pubblica in francese il celebre 'Indirizzo inaugurale' dell'Associazione internazionale dei lavoratori redatto da Marx. Nel corso dello stesso 1866 Blanqui si reca a Ginevra, dove [a settembre] si deve svolgere il Primo congresso dell'Internazionale. L'idea dei blanquisti è di parteciparvi per denunciare le deviazioni che il mutualismo e la cooperazione hanno cominciato a far subire al socialismo. Blanqui tuttavia fa impartire ai suoi amici di Parigi l'ordine di non andarvi. Tre di loro non danno ascolto all'ingiunzione del capo e si recano comunque a Ginevra. Ne seguono divisioni, ma la polizia parigina si incarica di risolvere il conflitto a suo modo, mediante l'arresto dei militanti blanquisti. A Bruxelles, prima e dopo il congresso di Ginevra, Blanqui non rimane inattivo, come molti ritengono. Egli mantiene una corrispondenza coi suoi luogotenenti: Tridom, Jaclard, Eudes, Granger, Genton e Duval (tutti a Parigi), dando precise istruzioni e moltiplicando i consigli. E visti i progressi del blanquismo tra gli operai dei sobborghi e tra gli studenti del Quartiere latino, egli non tarda a porsi la questione delle modalità di raggruppamento. Che fare? Organizzarsi in società segreta, continuando il sistema precedentemente in uso? Neanche a pensarci, perché la rete poliziesca si è fatta troppo stretta. Viene decisa allora la formazione di raggruppamenti di dieci membri, che non si conoscono tra loro e il cui capo è il solo ad entrare in rapporti puramente verbali con la direzione del movimento. In tal modo si riducono al minimo gli effetti di eventuali infiltrazioni, mentre al primo segnale, trasmesso verbalmente, tutti gli aderenti avrebbero potuto raccogliersi in un unico punto. Si tratta, insomma, di un'organizzazione ispirata chiaramente al sistema delle decurie e centurie creato da Buonarroti nel 1814. Occorre aggiungere che, oltre a questa struttura di combattimento - ottenuta mediante la selezione - un'organizzazione più ampia, ispirata ai principi del libero pensiero ed alla testa della quale si trovano Eudes e Regnard, subisce direttamente e fortemente l'influenza blanquista'] (pag 66-67) [ISC Newsletter N° 87] ISCNS87TEC [Visit the 'News' of the website: www.isc-studyofcapitalism.org] 
 
L'uomo potrà essere portato ai sacrifici, alla dedizione per l'intera umanità solo da una rara virtù PDF Stampa E-mail
MATHIEZ Albert, a cura di Roberto MASSARI, Robespierre. ERRE EMME. ROMA. 1989 pag 160 16°  prefazione di G. LEFEBVRE, note, cronologia bibliografia; in appendice: 'Appunti su Robespierre' di Filippo BUONARROTI; Dichiarazione dei diritti dell' uomo e del cittadino proposta da M. Robespierre; traduzione di Roberto MASSARI, Collana Il pensiero forte. ['Non è concesso se non a un piccolo numero di uomini altamente virtuosi di imporre una regola alle proprie azioni e seguire le norme più conformi all'interesse della società. Per gli altri, dal momento in cui la sanzione divina si cancella dal loro spirito, non rimane altra guida che l'interesse puramente personale. Le leggi avranno un bell'esser sincere, l'educazione avrà un bell'esser accurata, resterà sempre un gran numero di casi in cui l'uomo potrà essere portato ai sacrifici e alla dedizione solo da una rara virtù o dal pensiero di un giudice segreto e onnisciente di una vita futura. E se ho parlato di rara virtù, non è senza ragione. Essa consiste infatti nell'immolarsi interamente per la felicità degli altri, senza alcuna prospettiva di vantaggio personale, senz'altro godimento oltre a quello che deriva dalla contemplazione della felicità, immediata o lontana che sia dalle nostre assemblee. E' il sacrificio completo dei nostri affetti, sensazioni ed interessi che, nella sua perfezione, non può essere dote che di un piccolo gruppo di anime, di tempra straordinaria. Per tutte le altre anime, se togliete loro la paura o la speranza di un'altra vita, non resterà altro movente delle loro azioni che l'amore del piacere e la paura del dolore. Esse non saranno capaci di slanci di dedizione, né delle gesta che ispira solo la passione per la vera gloria. Saranno anime preoccupate solo di se stesse, impegnate a trarre vantaggio da tutto ed alla ricerca in ogni circostanza del profitto che può loro derivarne'] (pag 134) [Filippo Buonarroti, 'Appunti su Robespierre'] [ISC Newsletter N° 87] ISCNS87TEC [Visit the 'News' of the website: www.isc-studyofcapitalism.org]
 
<< Inizio < Prec. 1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 Pross. > Fine >>

Risultati 10 - 18 di 1522
spacer.png, 0 kB

Cerca nel sito

spacer.png, 0 kB
spacer.png, 0 kB
spacer.png, 0 kB